Turismo - Sannazzaro de' Burgondi

RomanoTassini.it

Vai ai contenuti


Da visitare in Lomellina

La Lomellina è una terra ammirata non solo per l'abbondanza delle risorse naturali, ma anche per la ricchezza della sua storia. Quasi tutti i centri della Lomellina conservano edifici religiosi e castelli, simboli dell'avvicendamento del potere temporale e spirituale che ha caratterizzato la storia di questa terra. Da una parte, infatti, la chiesa romanica di S. Pietro a Robbio o il Santuario della Madonna della Bozzola o l’Abbazia di San Pietro a Breme sono solo alcuni dei monumenti religiosi disseminati sul territorio. Dall'altra, si annoverano il Castello di Scaldasole, di Cozzo, di Frascarolo, di Valeggio di Valle Lomellina, di Sartirana Lomellina, il Castello d’Agogna e molti altri. In particolare quest'ultimo risale al XIV secolo ed è il più grande della Lomellina. Attualmente le sue sale ospitano il Museo per gli Argenti Contemporanei, per l' oreficeria moderna, per le arti tessili e la grafica d' arte.
Ricco di testimonianze artistiche e architettoniche è Lomello, un nucleo di origini alto medioevali che vede ancor oggi la presenza del maestoso Castello, ma soprattutto del Battistero di S. Giovanni ad Fontes e della cattedrale di S. Maria Maggiore, che risalgono rispettivamente al V e X secolo.
Capoluogo naturale di tutto il territorio è Vigevano e la sua spettacolare piazza Ducale costruita nel rinascimento. Fu realizzata grazie ai suggerimenti di Leonardo da Vinci e del Bramante e fu pensata come prolungamento del Castello Sforzesco. Venne modificata due secoli dopo dal vescovo de Lobkowitz che la trasformò nel sagrato del Duomo, divenuto famoso per il tesoro della cattedrale accumulato negli anni, le cui prime donazioni furono elargite da Francesco II Sforza. Ma al di là del Castello, del Duomo e del Palazzo Ducale, Vigevano conserva ancora un impianto urbanistico omogeneo nonostante l'avvicendamento di epoche e stili diversi: il barocchetto in particolare ha lasciato un po' ovunque tracce del suo passaggio nella cultura architettonica locale.
Infine, ma non per questo meno importanti vi sono i musei Lomellini, non sono molto conosciuti, alcuni pare ricevano pochissime visite nel corso dell'anno. Eppure talvolta custodiscono memorie significative della terra, della cultura e del modo di vivere che nei millenni hanno segnato gli abitanti della Lomellina

Copyright © 2018 Romano Tassini. Tutti i diritti sono riservati.
Created with WebSite X5 v 15
Web Design Romano Tassini
Sannazzaro de' Burgondi

Le foto di Paola

Torna ai contenuti